Utthita Trikonasana (posa triangolare estesa)

Nome / i inglese

Utthita Trikonasana, posa triangolare estesa

Sanscrito

त्रिकोणासन / trikoṇāsana

Pronuncia

oo-TEE-TAH-trih-KOH-NAH-Suh-nuh

Significato

utthita: "esteso"
trikona: "triangolo"
asana: "postura"

Benefici fisici

Utthita Trikonasana (Trih-KOH-NAH-Suh-nuh) allunga la colonna vertebrale e il tronco, tonifica i nervi spinali, promuove la flessibilità dei fianchi, della colonna vertebrale e delle gambe e migliora la circolazione. Corregge anche le deformità minori delle gambe e rinforza i muscoli del torace, della schiena e delle spalle. Viene aperta anche la cavità addominale, migliorando così la funzione degli organi digestivi.

Benefici energetici

Utthita Trikonasana è il primo asana nella sequenza di insegnamento o apprendimento dello yoga asana dove uno scoprirà il corpo posteriore, il corpo anteriore e il corpo laterale al massimo. Praticando regolarmente questo asana si può sviluppare una comprensione olistica del corpo, della mente, dei sensi e del respiro in profondità. Questo asana ha la capacità di aprire le molte parti del corpo con conseguente freschezza nella mente.

Questa asana ci ricorda anche i tre guna (le tre modalità di natura materiale): sattva (che sorge per Lord Vishnu il conservatore), rajas (che sorge da Lord Brahma il creatore) e Tamas (che sorge da Lord Shiva il distruttore). sattva rappresenta la bontà e la purezza; rajas è azione e attività; Tamas è caratterizzato dall'inerzia o dall'energia distruttiva per ricreare un nuovo ciclo. I tre guna colora ogni aspetto della nostra esistenza.

Lo scopo della pratica yoga è aumentare sattva nella nostra mente e rajas nel nostro corpo. La fisica è mantenuta attiva e la mente è mantenuta riflessiva. Quando la mente è completamente carica di suddha sattva (completa purezza) la mente acquisisce calma. Questa calma è essenziale per vedere la vera natura del sé.

Controindicazioni

Chi soffre di ipertensione non dovrebbe sollevare le braccia, ma tenere i palmi delle mani sui fianchi. Quelli con spalle rigide dovrebbero allungare gradualmente le braccia in linea con le spalle o portare le braccia in avanti e quindi allungare le braccia verso l'alto. Quelli con iperestensione delle ginocchia non dovrebbero bloccare le ginocchia e dovrebbero provare a impegnare i muscoli del polpaccio. Per quelli con eventuali lesioni al collo, guardare avanti (non girare la testa per guardare in alto).

Entrare in posa

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Apply Now